Sentiamo spesso parlare di Essenze o più correttamente di Oli Essenziali ma sappiamo cosa sono?

Con questi termini si definiscono i princìpi aromatici contenuti nei vegetali.

Le sostanze ottenute dall’estrazione si possono trovare nelle foglie, nei fiori, negli arbusti, nelle gemme e a volte nella corteccia e nelle radici.

Per quanto riguarda l’industria dei cosmetici, ad esempio nella preparazione di profumi, oggi si utilizzano solventi volatili che non hanno niente a che vedere con il metodo che usava mia nonna per farsi da sola il profumo di Rose attraverso la tecnica dell’Enfleurage,  mentre per le Essenze ad uso terapeutico, le uniche tecniche di estrazione a norma di legge sono la distillazione in corrente di vapore  d’acqua e la spremitura.

La distillazione in corrente di vapore d’acqua, ancora oggi è il metodo principale per ottenere un prodotto di qualità, infatti il prodotto di partenza da cui trarre il distillato cede al vapore le sue sostanze volatili che, dopo la refrigerazione, si separano di nuovo e possono essere raccolte in preziose goccioline: quelle gocce sono gli Oli Essenziali.

La spremitura si utilizza principalmente per la scorza degli agrumi, in passato veniva eseguita manualmente oggi invece si utilizzano presse meccaniche che estraggono contemporaneamente il succo dai frutti e l’essenza dalle scorze.

La loro qualità è un requisito fondamentale per avere un prodotto finale perfetto ed è molto importante  cogliere il vegetale di interesse nel momento giusto, ovvero nel momento di massima concentrazione dei principi odorosi: questo momento perfetto può variare nello stesso vegetale dalle foglie o dai fiori ad esempio e anche dall’orario di raccolta (anche le piante hanno dei cicli vitali che variano durante la giornata).

Come Scegliere gli Oli Essenziali

Quando si sceglie un Olio Essenziale  bisogna appoggiarsi ad un bravo produttore di Essenze che sia attento a tutto: dalla raccolta della materia prima fino al risultato finale, possibilmente essendo veloce, in alcuni casi infatti le Essenze vengono prodotte sullo stesso campo di raccolta grazie ad attrezzature montate su mezzi mobili, alcune allo stato grezzo sono maleodoranti e contengono sostanze tossiche per cui gli Oli Essenziali devono essere purificati, il produttore deve anche garantire stabilità al prodotto, giusta concentrazione, buona capacità di conservazione evitando sostanze irritanti e/o tossiche.

Una produzione di qualità vista la lavorazione che c’è dietro, è sicuramente più costosa rispetto ad una produzione sommaria e poco attenta ai dettagli, quindi si consiglia di diffidare di prodotti venduti a prezzi troppo bassi.

 

I MOLTI USI DEGLI OLI ESSENZIALI

Gli Oli Essenziali offrono molteplici opportunità di impiego al di là degli usi industriali a chi vuole servirsene per sfruttare al meglio le loro caratteristiche. Questo significa occuparsi in prima persona della cura di sé per porre rimedio a eventuali disturbi o malanni e per prevenirli nella ricerca di un equilibrio psicofisico generale.

 

AGGIUNTI ALL’ACQUA

Semplice e alla portata di tutti, la pratica di versare una o più Essenze nell’acqua soddisfa svariate esigenze di ordine igienico, cosmetico e terapeutico. Ovviamente le proporzioni e i tipi da utilizzare variano a seconda degli obiettivi da raggiungere.

Bagni in Vasca e Semicupi

Piacere, igiene, bellezza e salute: aggiungendo nell’acqua di un buon bagno caldo da 5 a un massimo di 12 gocce di una o più Essenze, i loro benefici vengono ulteriormente potenziati perché agiscono sia attraverso l’assorbimento della pelle che con il caldo apre i suoi pori, sia attraverso la respirazione dei vapori.

Una buona regola prima del bagno è quella di massaggiare tutto il corpo con un’apposita spazzola mentre la vasca si riempie d’acqua calda. Tale operazione elimina le scorie e le cellule morte, ossigena i tessuti, dilata i pori e prepara l’epidermide ad assorbire tutti i principi attivi presenti nell’acqua. Il massaggio a secco dev’essere fatto con delicatezza così da non irritare la pelle e con movimenti circolari dal basso verso l’alto.

Bagni ai Piedi e alle Mani

Si immergono le mani fino ai polsi e i piedi fino alle caviglie per una decina di minuti in acqua mantenuta calda in cui si siano appena versate 8-10 gocce d’Essenza. Paradossalmente, questi bagni parziali sono più efficaci di quelli totali, forse perché sia le mani che i piedi hanno molti punti di riflessologia nei confronti dei vari organi e apparati del corpo. I pediluvi sono particolarmente indicati in casi di cefalee, nevralgie, sindromi mestruali e stitichezza. In generale contrastano gli effetti del sovraffaticamento e, visti i ritmi stressanti della vita di oggi, si rivelano una pratica igienica raccomandabile a tutti.

Idromassaggio

Piacevolmente stimolante (agisce sul sistema nervoso) e coadiuvante nella cura dei problemi articolari, se si pratica con essenze che abbiano effetti affini a quelli perseguiti con il trattamento per cui si fa l’idromassaggio, i risultati saranno moltiplicati.

Aromatizzazione dell’Ambiente

L’utilizzo delle Essenze fatte evaporare con un brucia essenze è uno dei metodi più diffusi. L’olfatto gioca un ruolo fondamentale nella relazione di piacere o disgusto evocata da un particolare odore.

Il collegamento diretto del naso con il cervello porta messaggi e benefici alla sfera psichica prima che a quella organica, per questo motivo è importante garantirsi un ambiente di vita o di lavoro che abbia un profumo che ci piace.

La risposta emozionale ad un aroma è sempre personale.

I brucia essenze sono degli appositi vasetti o lampade per profumi, in cui dell’acqua contenente un’ Essenza (da 5 a 20 gocce, a seconda delle dimensioni dell’ambiente) viene dolcemente riscaldata da una candela alloggiata nell’apposito spazio sotto alla conca dove vanno messe le essenze con l’acqua.  Io in inverno le aggiungo alle vaschette dei caloriferi o negli umidificatori per ambienti.

Impacchi e Compresse

L’applicazione di garze o panni ripiegati intrisi di acqua fredda, tiepida o calda, addizionata di Oli Essenziali, è un rimedio antico e prezioso nei casi più svariati.

Tutti conoscono l’efficacia degli impacchi freddi applicati sulla parte interessata in caso di contusioni o distorsioni muscolari così come sulla fronte o sulle piante dei piedi per abbassare la temperatura troppo alta ma sono state sperimentate con successo anche applicazioni tiepide o calde alla regione lombare, al torace all’addome in rapporto alle diverse problematiche.

 

AGGIUNTI AD UN OLIO

Balsami, unguenti, creme: l’arte di mischiare le Essenze con oli neutri è antichissima e nobilitata dal fatto che se ne parla in testi antichi quasi quanto la storia dell’uomo.

Fa anche parte della storia della profumeria più sofisticata e della cosmesi così come di quella della fitoterapia e della medicina.  Le applicazioni sulla pelle dei principi attivi degli Oli Essenziali è ritenuto molto affidabile ed efficace.

Massaggi

Il massaggio sta vivendo un momento di grazia nel generale ritorno a forme naturali e universalmente conosciute di cura del corpo e ciò vale per tutti i tipi di massaggio. Il ricorso ad un olio aromatizzato ne ottimizza i risultati: da una parte sono favoriti lo scivolamento delle dita sulla pelle e quindi la buona esecuzione della manipolazione, dall’altra si ha un assorbimento cutaneo. Nella preparazione di un olio aromatizzato per massaggi la quantità dell’ Olio Essenziale rispetto a quello vegetale stabile con cui viene mischiato può variare da 1 a 3%.

Frizioni

In genere vi si ricorre prima del massaggio vero e proprio, per attivare la circolazione periferica e preparare meglio la pelle all’assorbimento dell’olio. Questo deve essere versato sulla mano e non sulla parte da trattare. Il trattamento può anche limitarsi alla sola frizione.

Altre applicazioni

Nell’ambito dell’igiene e della cosmesi si possono unire Oli Essenziali a creme, shampoo e maschere pere i capelli e il viso, naturalmente tenendo conto delle specifiche proprietà delle varie essenze e, dal punto di vista dell’aroma, delle proprie preferenze.

 

USATI PURI

Gli Oli Essenziali sono dei rimedi assolutamente benefici di cui però non si deve abusare e si deve essere consapevoli che un esito positivo o negativo dipende dall’uso che se ne fa.

L’aromaterapia è una disciplina che insegna e da indicazioni su questo, al di fuori di essa si ricorda a chi ha l’abitudine di profumare gli armadi e contemporaneamente vuole tenere lontani gli insetti che si possono mettere dei sacchetti di erbe aromatiche essiccate e che se ne può potenziare l’efficacia aggiungendo sistematicamente alle erbe qualche goccia dei corrispondenti Oli Essenziali.

 

Consultate il Nostro catalogo di pregiatissimi Oli Essenziali