L’Insonnia ha una vasta gamma di cause tra cui lo stress.
Si tratta di un disturbo del sonno che colpisce regolarmente milioni di persone in tutto il mondo. In breve per gli individui che trovano difficile addormentarsi o rimanere addormentati, gli effetti possono essere devastanti.

L’insonnia comunemente causa sonnolenza diurna, letargia e una sensazione generale di malessere sia mentale che fisico, sbalzi di umore,così come irritabilità e Ansia.

Ci sono molte possibili cause che ci fanno dormire poco e male: si stima che spesso sia dovuta a una causa secondaria, come una malattia o lo stile di vita.
Le cause dell’Insonnia includono fattori psicologici, farmaci e livelli ormonali.

L’Insonnia è comunemente divisa in tre tipi: transitoria che si verifica quando i sintomi durano fino a tre notti, acuta chiamata anche a breve termine con sintomi che persistono per diverse settimane e cronica, questo tipo dura per mesi e talvolta anni.

Secondo il National Institutes of Health, la maggior parte dei casi di Insonnia cronica sono effetti collaterali derivanti da un altro problema principale.
Il disturbo del sonno può colpire persone di qualsiasi età, ed è più comune nelle donne che negli uomini, inoltre può minare la capacità di concentrazione, contribuire all’obesità, ad uno stato di Ansia, depressione, irritabilità, problemi memoria, scarsa funzionalità del sistema immunitario e tempi di reazione ridotti.

L’Insonnia può essere causata da fattori fisici e psicologici. A volte c’è una condizione medica di base che causa l’Insonnia cronica, mentre quella definita transitoria può essere dovuta ad un evento traumatico recente.

Cause più frequenti nella comparsa dell’Insonnia

Interruzioni nel ritmo circadiano e/o jet lag, cambiamenti di turno di lavoro, altitudini elevate, rumore ambientale, caldo o freddo estremo.

Problemi psicologici: disturbo bipolare, depressione, disturbi d’ansia o disturbi psicotici.

Condizioni mediche: dolore cronico, sindrome da stanchezza cronica, insufficienza cardiaca congestizia, angina, malattia da reflusso acido, asma, apnea notturna, morbo di Parkinson e Alzheimer, ipertiroidismo, Artrite, lesioni cerebrali, tumori, ictus.

Ormoni: estrogeni, cambiamenti ormonali durante il ciclo mestruale.

Altri fattori: dormire accanto a un partner che russa, condizioni genetiche, mente iperattiva, gravidanza.

Tecnologia multimediale in camera da letto: diversi piccoli studi condotti su adulti e bambini hanno suggerito che l’esposizione alla luce da televisori e smartphone prima di andare a dormire può influire sui livelli naturali di melatonina e portare ad un aumento del tempo necessario per prendere sonno, inoltre uno studio condotto dal Rensselaer Polytechnic Institute ha rilevato che in generale è pessima abitudine tenere accesi in camera da letto computer e tablet perché il disturbo del sonno può peggiorare.

Griffonia, Rodiola e Passiflora sono dei validi aiuti naturali per procurarsi sonni tranquilli senza Insonnia e senza farmaci.

Potete trovare qui i prodotti utili all’ Insonnia